S. Martino de Porres

SMartinodePorres
San Martino de Porres – Religioso domenicano

Madre Gabriella ha nutrito una profonda devozione nei confronti di San Giuseppe,
Custode della Santa Famiglia, e di San Martino de Porres, religioso domenicano,
da lei scelto come protettore dei bambini ospiti dell’Opera, perchè figlio di una ragazza madre; devozione, questa, che ha trasmesso a tutti i membri dell’Opera.

San Martino de Porres nacque a Lima in Perù nel 1579.
Il padre, un nobile spagnolo, si curò poco del figlio; la madre, una ex schiava di origine africana, cercò, invece, di dargli un minimo di istruzione.
Da giovane Martino soffri molto per la sua condizione di figlio illegittimo e di mulatto,
ma tutto sopportò con serena umiltà.
Desideroso di donare la vita a Dio ed ai poveri entrò nell’Ordine domenicano come terziario addetto ai lavori più umili.
Successivamente, per le sue straordinarie qualità, divenne fratello collaboratore e infermiere. In tempo di carestia chiese di essere venduto come schiavo per aiutare l’economia del convento. Durante una epidemia di peste curò e salvò tanti confratelli contagiati dal terribile morbo.
In tanti si rivolgono a lui per chiedere consiglio; tra questi il viceré del Perù e l’arcivescovo di Lima.
Devotissimo dell’Eucaristia passava buona parte della notte in adorazione mentre le ore del giorno le spendeva prendendosi cura dei malati, dei poveri e degli orfani.
“Amabile figura traduceva l’incontro col Signore nel servizio dei sofierenti, nella cura dei deboli e dei dimenticati” (J. Ratzinger,l Congresso Eucaristico Diocesano, Benevento).
Morì il 3 novembre del 1639.
Proclamato Beato da Papa Gregorio XVI nel 1837, fu canonizzato da Giovanni XXIII il 6 maggio 1962.
San Martino de Porres è considerato il primo santo di colore della Chiesa Cattolica.

S.MartinoPorres

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>