Madre Gabriella Merli

Galleria

Madre Gabriella, Maria Teresa Merli, nasce il 16 gennaio 1905 ad Ascoli Piceno
dalla famiglia dei conti Merli.
Il 19 gennaio viene battezzata nella Cattedrale di Ascoli.
La famiglia, di fervente fede cattolica, segna in modo profondamente religioso l’educazione della figlia.
Nel 1911, a soli sei anni, riceve prima Comunione e Cresima.
L’infanzia e la prima giovinezza trascorrono serenamente.

MG18anni
Madre Gabriella a 18 anni

Dopo aver conseguito con profitto il Diploma di Maturità scientifica, si iscrive alla facoltà di Lingue, presso l’Università Cà Foscari di Venezia, conseguendo, con ottimi voti, il Dottorato nel 1928. Negli anni precedenti la decisione di prendere i Voti Religiosi, vive, per circa due anni, a Londra e a Dublino, insegnando in College delle due capitali.
Tornata in Italia, insegna Lingua Inglese nel Liceo Scientifico di Ivrea.

 Maria Teresa a Venezia
Maria Teresa, a sinistra, a Venezia con un’amica

Laureata, è Presidente diocesana della FUCI, l’Assistente Ecclesiastico
è Mons. Giovanni Battista Montini, futuro Paolo VI.
Il 15 gennaio 1931 a Venezia si laurea in Lingue straniere.
In questi anni, sotto la guida spirituale di Monsignor Giovanni Urbani, il futuro Cardinale di Venezia, Teresa Merli matura la propria vocazione; sceglie di farsi suora domenicana dell’Istituto della Beata Imelda: il 14 gennaio 1936 entra a Venezia. Il 3 agosto dello stesso anno veste l’abito religioso. 
Il 16 gennaio 1938 a Venezia fa la Prima Professione religiosa.

MGProfess

Per essersi distinta in intelligenza e capacità organizzative, viene, poi, mandata a Modena a dirigere una scuola media privata.

Il 30 ottobre 1942, a Venezia, fa la Professione Perpetua.

Nel 1943 è superiora a Bologna nell’Orfanotrofio di San Luca, dove, oltre al prodigarsi per dare ospitalità a numerosissimi bambini, prepara i pasti agli sfollati – arrivano fino a duecento – che si rifugiano nel portico del Santuario della Madonna.
Riguardo alle future scelte è molto importante quanto la Madre va riscoprendo in queste esperienze:
“Mi resi conto che pure in tempo di guerra, il numero degli orfani era inferiore a quello dei figli illegittimi o abbandonati. Vedevo inoltre, che questi s’inserivano facilmente nella vita degli istituti, ma si staccavano sempre più dalle loro madri…; il più delle volte, si creava un distacco tra madri e figli addirittura insanabile”.
In questa situazione matura la decisione di iscriversi alla nuova Scuola di Servizio Sociale all’Università di Bologna.
A conclusione di questa fase della vita, le notizie sull’infanzia e la sua giovinezza sono a sommi capi.
Suor Gabriella aveva un carattere schivo e riservato e non amava parlare di sè, nè raccontare della sua vita, delle sue relazioni, della sua cultura, allora singolare per una donna, tutta presa e compresa dalla propria vocazione religiosa.

MGSLuca
Bologna, 1949 – Suor Gabriella, al centro, posa della prima pietra della casa-famiglia

Dopo la guerra, nel 1949, è superiora della nuova “casa famiglia” al centro di Bologna per l’accoglienza di ragazze. In questo periodo frequenta la scuola di Servizio Sociale e nel 1951 si diploma con il massimo dei voti e la lode. Qui prende coscienza del problema delle ragazze madri.

Nel 1954 Madre Gabriella espone questo problema al cardinale Giacomo Lercaro
che approva la sua idea di aprire un’opera per le ragazze madri.
A Maggio: è operata al seno di un carcinoma.
Supera la malattia e vive l’impegno apostolico.

Il 4 gennaio1956, madre Gabriella, appoggiata dal cardinal Lercaro chiede, assieme
a madre Delia Bozzoli, l’esclaustrazione.
Il 26 gennaio giunge la risposta affermativa.
Il 3 marzo inizia, in assoluta povertà, l’Opera Santa Maria di Nazareth.
MGabr1
Il 12 gennaio 1958 l’Opera viene riconosciuta con decreto giuridico e viene approvato
lo Statuto dal Presidente della Repubblica.
Il comitato “Premio dei buoni” di Bologna le assegna la “Stella d’Oro” al merito della bontà.

Nel 1966 progetta l’apertura di una Casa nel centro-sud, in Abruzzo e nel 1969 viene inaugurata la Casa di Francavilla al Mare (CH).
Qui si trasferisce Madre Gabriella e prodiga tutte le sue energie fino all’8 luglio 1995 quando il Signore la chiama al premio eterno.

Il 27 aprile 2004 è traslata la salma dal Cimitero di Francavilla al Mare: ora riposa
nel cimitero di Gabicce Mare (PU).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>